Scegliere Maria - Associazione Maria Regina dei Cuori

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Scegliere Maria

Consacrazione a Maria > Consacrarsi


Testo di Montfort (ASE 226-227)
O Madre ammirabile,
presentami al tuo caro Figlio
in qualità di schiavo per sempre:
così egli mi riceverà per mezzo tuo,
come per mezzo tuo mi ha riscattato.
O Madre di misericordia,
fammi la grazia di ottenere la vera Sapienza di Dio
e di mettermi per questo nel numero di coloro
che tu ami, istruisci, guidi, nutri e proteggi
come tuoi figli e tuoi schiavi.
O Vergine fedele, rendimi in ogni cosa
un così perfetto discepolo, imitatore e schiavo
della Sapienza incarnata, Gesù Cristo, tuo Figlio,
da poter giungere, per la tua intercessione e sul tuo esempio,
alla pienezza della sua età sulla terra
e della sua gloria nei cieli. Amen


❖ INTEGRAZIONE
 In ascolto della Parola
Leggo lentamente due o tre volte il testo di Montfort. Sottolineo le parole che mi colpiscono. Poi leggo Efesini 1, 3-20:
Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo.
In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo, secondo il di-segno d’amore della sua volontà, a lode dello splendore della sua grazia, di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.
In lui, mediante il suo sangue, abbiamo la redenzione, il perdo-no delle colpe, secondo la ricchezza della sua grazia.
Egli l’ha riversata in abbondanza su di noi con ogni sapienza e intelligenza, facendoci conoscere il mistero della sua volontà, secondo la benevolenza che in lui si era proposto per il governo della pienezza dei tempi: ricondurre al Cristo, unico capo, tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra. In lui siamo stati fatti anche eredi, predestinati – secondo il progetto di colui che tutto opera secondo la sua volontà – a essere lode della sua gloria, noi, che già prima abbiamo sperato nel Cristo.
In lui anche voi, dopo avere ascoltato la parola della verità, il Vangelo della vostra salvezza, e avere in esso creduto, avete ri-cevuto il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso, il quale è caparra della nostra eredità, in attesa della completa re-denzione di coloro che Dio si è acquistato a lode della sua glo-ria.
Perciò anch’io, avendo avuto notizia della vostra fede nel Si-gnore Gesù e dell’amore che avete verso tutti i santi, continua-mente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie preghiere, affinché il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi, ch cre-diamo, secondo l’efficacia della sua forza e del suo vigore.
Egli la manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra nei cieli,

 In ascolto della vita
Montfort parla di «pienezza» e Paolo di «compimento». In que-sto momento della mia vita cosa è meno ‘compiuto’ in quanto sono? Quale parte di me è meno ‘piena’ di Cristo?

 Preghiera
Concludo con il Cantico 87 di Montfort:
Venite, adoriamo Gesù vivente
nel seno di Maria.
Contempliamo con stupore
la Grandezza rimpicciolita!
Un Dio si fa bambino
per dare a noi la vita.
Mentre Egli si tiene stretto
al suo cuore purissimo
che del peccato
mai conobbe il rovinoso segno,
liberamente vi traccia e imprime
la sua vera immagine.
L’uno nell’altro sembra fondersi.
Che stupenda alleanza!
La Vergine Maria
è tutta in Gesù, che sempre l’ama.
Meglio, lei non è più,
ma Gesù solo è in lei.
Andiamo tutti tra questi due cuori
a sciogliere il nostro ghiaccio,
partecipi del loro ardore, virtù e grazie.
Andiamo, ai peccatori vogliono bene
noi pure accoglieranno.
O Gesù, nostro caro sposo,
nostro Dio, nostro fratello.
Vieni, vieni a nascere in noi
per mezzo della tua Santa Madre,
perché per Te andiamo al Padre tuo.





 
Torna ai contenuti | Torna al menu